Essere genitori single non è un limite ma un'opportunità per credere assieme

Genitori single. Amore, punti di vista e barca a vela.

Verdone in un film diceva: “l’amore è eterno, finché dura”. Qualcuno a questa affermazione potrebbe rispondere tirando fuori mille punti di vista. L’amore è così. Non ci sono regole.

Antropologicamente parlando, essere genitori è il compimento di un percorso evolutivo, d’amore, umano, naturale e sociale. Almeno, questo è ciò che normalmente avviene, anche se la normalità non è una condizione assoluta.

Durante questo percorso a volte si va un po’ in confusione e ci si trova a dover riflettere sul come e perché ci si è trovati in questa condizione, “costretti” a prendere quella certa decisione. Si dovrà quindi contare solo e soltanto su un personale spazio di azione, consapevoli del fatto che le valutazioni da fare saranno diverse, comprese quelle che porteranno a prendere una decisione, anche se sbagliata. Già. E quando ci si innamora, a questo per fortuna o disgraziatamente, non si pensa mai.

Esistono mille teorie e tante fonti da cui prendere spunto sulla perfetta convivenza in una coppia. Esempi che vanno dal self learning di Jhon Gray con il suo best seller “Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere”, fino ai tips and tricks di mamma e papà seduti attorno al tavolo della cucina alle 2 di notte, quel tavolo che negli anni si è sciroppato le lunghe ed estenuanti chiacchierate di chi ci è finito inevitabilmente in mezzo. A qualsiasi età.

Come le panchine dei parchi, i sedili delle auto o qualunque posto in cui ci si è trovati almeno una volta a discutere sulla scelta giusta da fare, che potesse accogliere quindi lo sfogo nostro o di un amico, di un fratello o chiunque altro fosse legato a noi con diversi gradi di relazione o parentela.

Nonostante tutti questi confronti e teorie però, un giorno si arriva a prendere “quella” fatidica decisione, trovandosi di fronte ad una cruda realtà: lo sguardo di un partner e il proprio senso di inadeguatezza.

E qui si aprono le voragini esistenziali e sociali.

Ci sono le storie d’amore perfette dove tutto fila liscio come la sabbia in una clessidra (cinico, lo so), poi c’è chi ci prova, chi fa finta di niente e si sopporta andando avanti, chi aspetta il momento giusto e nel frattempo passano altri 5 anni (magari di tradimenti). Chi cerca una scusa per far “chiudere” all’altro perché odia gli abbandoni (diciamo prendersi le responsabilità di una decisione) e chi alla fine prende la decisione e basta. Che sia di comune accordo o meno.

Ecco il punto, noi parliamo di quest’ultima categoria, dalla quale scaturisce una sotto categoria di cui ora parliamo: i genitori single.

Genitori-separati

Genitori single e le bi-famiglie

Sapere di rientrare in una “categoria” fa pensare ad una classificazione psicologica fredda e distaccata ma è inevitabile. Un po’ come nel marketing, che classifica i profili degli utenti in “fedeli”, “attivi”, “dormienti” e “persi”. E’ così. Si finisce dentro quindi ad un folto gruppo di single per scelta, per sfiga (vabbè) o per cause di triste forza maggiore. Dai genitori single si snocciola quindi un popolo di bi-famiglie che ad un certo punto deve trovare il modo di organizzarsi, con accordi, in fiducia o il più delle volte al tavolo delle trattative.

Ho letto una volta un articolo di un avvocato divorzista in cui si diceva che solo il 37% dei matrimoni resiste. Sì ok, magari voleva raccontarsela per essere tranquillo di trovare sempre lavoro ma ponendo il fatto che fosse vero, tra questi c’è quindi una vasta fetta di genitori single. Tutti a spasso con il cane, i figli e le loro intime ansie da prestazione. Prestazioni da genitore ma anche da “nuovamente single”.

Ecco dunque che ci si ingegna per dare ai figli il meglio possibile, cercando di non far pesare loro la decisione presa, divincolandosi tra il senso di responsabilità e la voglia di essere felici sempre e comunque, trovando ogni modo e tempo per stare assieme. Più o meno bene.

Per ogni fenotipo sociale esiste un network e quindi anche per i genitori single esiste la risposta in rete: gengle.it o genitorisingleitalia.it e chissà quali altri, in cui oltre la possibilità di incontrare altri genitori nella stessa situazione, è possibile scovare interessanti spunti di riflessione, consigli, idee, convenzioni, eventi, ecc. Ma il punto non è questo. Anzi, la domanda è: sei un genitore single?

Se lo sei, sappiamo bene quali possono essere gli “impegni” e le difficoltà da affrontare. Ognuno a proprio modo ed entro le possibilità e capacità di cui si è dotati. Si alterna la propria intima esistenza condivisa con il figlio, palleggiandosela con quella del proprio ex. Un progress di attività quotidiane in perfetto stile manageriale, fatta di pianificazioni (puntualmente disattese) e colazioni volanti, parcheggi in doppia fila davanti la scuola, in coda ai semafori del centro nel tentativo di arrivare in orario ad una recita, al corso di inglese, di danza o al campo di calcio. Ma anche di quotidianità fatta di appostamenti notturni davanti la casa di un amico o di una discoteca, aspettando di vederli spuntare sani e salvi dalla porta d’ingresso. Una realtà più o meno bilanciata, fatta anche di vacanze alternate o da trascorrere tutti assieme (come una volta).

E a proposito di tempo libero e vacanze, quale mai potrebbe essere un’esperienza davvero unica, vera, che lasci a te e tuo figlio tutto il tempo per vivere e condividere ogni attimo di una giornata ricca di opportunità, per fare tante cose assieme, creando complicità e perché no, imparando qualcosa di nuovo? Chiaramente una vacanza in barca a vela. 

Le offerte sono varie e per ogni tasca, con la possibilità di unirsi ad equipaggi per i quali viene studiato un programma articolato in pochi giorni o per una vacanza intera. L’età media dei bambini normalmente varia dai 6/7 anni fino ai 13/14 (in certi casi anche di più) e per ogni fascia di età c’è un programma specifico che prevede attività anche da fare assieme.

Se non ti senti pronto per una vacanza del genere prova con un weekend. C’è tutto il tempo necessario per fare il test di “compatibilità” con il mare, gli spazi, gli altri genitori e i bambini. Poi avrai tutto il tempo per decidere di fare il grande passo verso la vacanza vera e propria.

Genitori-separati-vela

Digitando sul web “genitori single in barca a vela” se ne trovano davvero molte di opportunità. Da nord a sud Italia decine di società e associazioni offrono programmi ben strutturati. Quale modo migliore dunque per passare il tempo assieme ai vostri figli, se non condividendo quanto di più bello la natura ci sa offrire? Sì lo so che l’inverno alle porte non ti ci fa pensare. Infatti c’è tutto il tempo per approfondire l’argomento e decidere se aspettare la primavera prossima o cominciare subito magari con un capodanno un po’ alternativo.

Saidisale sta lavorando a un bel progetto, per semplificare questa ricerca. Stiamo raccogliendo quante più informazioni possibili per offrire facilmente più spunti e informazioni, per conoscere chi organizza cosa e dove. Per avere un punto di riferimento nel caso voleste vivere un’esperienza di questo genere. Anzi, se ne avete da segnalare ben vengano. L’importante per noi è che abbiano programmi didattici dedicati a questo tema, che spicchino per storicità, eccellenza di programmi o per particolari riconoscimenti o patrocini federali e statali. Ancor più se avete avuto un’esperienza e volete segnalarle perché vi siete trovati bene.

Se vi piace questa iniziativa dunque, cominciate con il mettere un “mi piace” a questo articolo e condividetelo con chi pensate possa gradirlo. Per segnalazioni, suggerimenti, idee, qualcosa che desiderereste fare, richieste o commenti in merito, scrivete a saidisale.blog@gmail.com. Ci saranno belle novità per vivere questa splendida esperienza, con i vostri figli.

Pronti quindi a salpare?

Ricorda che se vai per mare, saidisale.

A presto

Un pensiero su “Genitori single. Amore, punti di vista e barca a vela.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...